languageswitcher

Contatti top

Giovedì, 12 Dicembre 2019 00:21
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Presentata l'opera "Alla finestra della vita" di Isabella Flego
Serata di grande intensità emotiva quella di giovedì 21 novembre 2019 a Palazzo Gravisi-Buttorai per la presentazione dell'ultima opera di Isabella Flego, infaticabile e poliedrica voce della nostra Comunità nazionale.

Alla finestra della vita di Isabella FlegoAlla finestra della vita di Isabella Flego“Alla finestra della vita” si intitola la silloge pubblicata dalla Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria. Impreziosita dalla prefazione di Irene Visintini e da una postfazione di Nelida Milani, la raccolta di poesie coglie i momenti salienti dell’esistenza dell’autrice.

Alla finestra della vita di Isabella FlegoAlla finestra della vita di Isabella FlegoUna raccolta - scrive Irene Visintini -  di grande rilievo che, alludendo ai percorsi della sua vita, alla sua crescita intellettuale, e confrontandosi con l'inconscio, sembra far affiorare i contorni di un bilancio esistenziale. Molti sono i segreti nuclei riflessivi, le tensioni, le nostalgie, le tristezze, le memorie, i rinvii autobiografici, le immagini e le metafore che attraversano quest'ultima fase della lirica della poetessa, la sua profonda ricerca di sé stessa e dei suoi ricordi, il suo desiderio di liberarsi dai confini dell'io, ma anche il senso di fallimento e di pessimismo che essa avverte di fronte alla crisi e alla devastante caduta di valori e ideali etici e civili del contemporaneo mondo moderno.

Molti sono i momenti di riflessione e di illuminazione poetica - scrive da parte sua Nelida Milani, una delle menti più lucide della nostra Comunità Nazionale - momenti legati a un’occasione, a un ricordo di ciò che si è vissuto, a una realtà concreta che suscita specifiche emozioni. Molti sono i versi dedicati alla madre che “squarciava le nubi” della sua infantile ingenuità, figura per eccellenza della nostalgia. Il ricordo lancinante del padre, “cigno nero”, la cui immagine sfocata nel cerchio chiuso del “tenebroso splendore” della miniera. Sono versi che hanno il sapore di un bilancio.Alla finestra della vita di Isabella FlegoAlla finestra della vita di Isabella Flego