languageswitcher

Contatti top

Domenica, 18 Aprile 2021 05:23
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Settimo Numero
InForma
Settimo Numero

Anno 7
Dicembre 2020
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria” ristampa anastatica
Presentato mercoledì 30 dicembre 2020 con una conferenza stampa, ma on line sulla pagina Facebook del Centro Combi per tutti gli interessati, la ristampa anastatica dell'opera giovanile dell'illuminista capodistriano Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria”.

Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria”Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria”Il volume è stato pubblicato dal Centro Italiano “Carlo Combi” e dalla Comunità degli Italiani di Bertocchi grazie al contributo finanziario della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria e di quella Costiera. L’opera, presentata nel salone del Piano nobile di Palazzo Gravisi-Buttorai, è un importante apporto nel trecentesimo anniversario della nascita dell’illustre studioso ed economista capodistriano che l’aveva pubblicata nel 1743 a Venezia quale primo tassello di un percorso che molti anni dopo porterà il Carli alla stesura di una delle sue opere più famose, le monumentali “Antichità italiche”.

La ristampa anastatica “Delle antichità di Capodistria” è stata introdotta dai suoi curatori, Kristjan Knez e Roberta Vincoletto. Un saluto è stato portato nell’occasione dal Presidente della CAN capodistriana Fulvio Richter a nome dei finanziatori e dal Presidente della Comunità degli Italiani “Santorio Santorio” e vice-sindaco di Capodistria Mario Steffè. Ambedue hanno messo in evidenza l’importanza di quest’opera soprattutto se messa in relazione al difficile momento che tutti vivono a causa della situazione sanitaria.

Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria”Gian Rinaldo Carli “Delle antichità di Capodistria”In questo momento difficile anche nel settore della cultura – ha detto lo storico e direttore del Centro Combi Kristjan Knez – abbiamo cercato di recuperare per quanto possibile, almeno parte delle manifestazioni già programmate e in seguito rinviate a causa della pandemia. È il caso, fra i tanti, dell'ampio progetto sull'età dell'Illuminismo messo in cantiere dal Centro Italiano Carlo Combi di Capodistria per onorare in questo 2020, in sinergia con numerose istituzioni della comunità italiana presenti sul territorio, ma anche su un territorio più vasto, due illustri personaggi, di fama e rilevanza europea, che qui ebbero i natali: il capodistriano Gian Rinaldo Carli, appunto a 300 anni dalla nascita, e il piranese Giuseppe Tartini, violinista e compositore, nel duecentocinquantenario della morte. Per la mostra, prevista in due sezioni, una a Capodistria e l'altra a Pirano, e il volume a corredo, si dovranno però attendere tempi migliori.