languageswitcher

Header menu slo

Contatti top slo

Nedelja, 18 April 2021 05:48
Župančičeva ulica 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

OPOZORILO! Naša spletna aplikacija uporablja piškotke.

Piškotki so majhne datoteke, ki jih naložimo na vašo napravo, z namenom izboljšanja uporabniške izkušnje. Preberi več

Sprejmi

Piškotki, ki jih uporabljamo za delovanje portala, v nobenem primeru ne škodijo ne Vam, ne Vašemu računalniku. Omogočajo izdelavo dokumentov preko pametnih e-obrazcev, merjenje statistike obiska, delovanje partnerskega (affiliate) programa, oglaševanja, deljenja vsebin preko družbenih omrežij in komunikacijo z Vami. Predvsem pa omogočajo boljšo in lažjo uporabo portala za Vas kot uporabnika.

Prosimo potrdite ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani (kliknite spodnji gumb Sprejmi).

Settimo Numero
InForma
Settimo Numero

Leto 7
Dicembre 2020
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Leto 20
Gennaio 2016
 

Druge Novice

La Grande Guerra a piedi vložen 
1914-1918 - Commemorare la  Guerra per celebrare la Pace Presentazione del libro e del viaggio di Nicolò Giraldi La Grande Guerra a piedi. Da Londra a Trieste sui luoghi del primo conflitto mondiale (Edizioni Biblioteca dell'Immagine, Prefazione di Paolo Rumiz) Martedì, 27 ottobre alle ore 18.00 presso la sede della Comunità degli Italiani, palazzo Gravisi, Via Fronte di Liberazione 10, Capodistria

La Grande Guerra a piediLa Grande Guerra a piediIl libro di debutto del giornalista Nicolò Giraldi racconta il suo viaggio a piedi da Londra a Trieste, sui luoghi del primo conflitto mondiale. Sette paesi europei percorsi in due mesi a piedi, da solo con lo zaino in spalla e un bastone, per incontrare le persone che alla memoria della guerra ci lavoravano ogni giorno prima del 2014 e che continueranno a farlo dopo il 2018 e per confrontarsi con la memoria dell’omonimo bisnonno, fante austroungarico che venne inviato sul fronte orientale in Galizia e fatto prigioniero dai Cosacchi.

“Nel suo viaggio in bilico fra due epoche, Giraldi compie l’unica scelta possibile. Evoca invece di commemorare. Chiama in causa i morti, cerca di parlare con loro. Va oltre il libro di storia. Si sforza di sentire prima di capire. I suoi scarponi diventano quelli del nonno, e così il fango, la pioggia, la sete, il cibo che contiene il sapore dei luoghi.”  - Paolo RumizLa Grande Guerra a piediLa Grande Guerra a piedi