Ultima riunione del 2020 del Consiglio CAN
Ultima seduta, mercoledì 23 dicembre, di questo 2020 del Consiglio della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria. All'ordine del giorno alcune fondamentali questioni per la CNI quali il bilancio di previsione per l'anno 2021 ed il Decreto sul bilinguismo preparato dalla CAN Costiera e che verrà proposto alle quattro municipalità della nostra regione, Ancarano, Capodistria, Isola e Pirano.
  • Natisni

 

Consiglio CANConsiglio CANPer quanto concerne il bilancio di previsione si registra un leggero aumento dei mezzi destinati alle attività culturali oltre che alla voce investimenti che consentiranno di realizzare il risanamento energetico di Palazzo Gravisi-Buttorai che, per inciso ha ospitato la riunione. Il progetto gode anche del contributo del Ministero dell'ambiente. Soddisfazione per il piano finanziario della CAN per l'anno a venire è stato anche dal presidente Fulvio Richter. Il consigliere comunale e vicesindaco Mario Steffè, presente alla riunione, ha detto da parte sua che il comune ha accolto quasi integralmente la proposta della CAN capodistriana. Dopo gli incontri fra i vertici della CAN ed il sindaco - ha detto -  siamo riusciti a raggiungere un'intesa e il comune ha espresso massima attenzione per le nostre richieste e aspettive. Anche noi comunque condividiamo le sorti del blancio comunale in qualità di fruitori diretti e nei prossimi mesi possiamo aspettarci un assestamento, se l'emergenza sanitaria dovesse perdurare.

Il consiglio ha quindi accolto la strategia urbana sostenibile, un documento di sviluppo urbano del Comume città di Capodistria ancora in fase di stesura visto che traccerà le direttrici in materia fino al 2030.

Il Consiglio della CAN ha quindi dato luce verde all'informativa del vicepresidente della CAN, nonchè presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, sul decreto per l'attuazione del blinguismo. È un documento al quale sta lavorando la CAN costiera, e giunto, come ha detto Scheriani, alla seconda lettura. Allo stesso si aggiungeranno, entro la fine di gennaio, le osservazioni delle singole CAN. Seguirà la stesura del documento definitivo che, dopo l'approvazione delle singole CAN, sarà presentato ai quattro comuni costieri con l'auspicio che venga accolto dai consigli comunali per avere finalmente una tutela univoca della CNI in tutto il territorio di residenza.

Consiglio CANConsiglio CANL'iniziativa della CAN costiera è stata salutata con favore sia dal Presidente della CAN Richter che dal vice-sindaco Steffè, in quanto esistono ancora troppe discrepanze tra i comuni in materia di bilinguismo, anche se singolarmente le municipalità stanno facendo dei piccoli passi in avanti.