Ultima seduta del Consiglio della CAN nel 2021
Ultima riunione dell'anno, mercoledì 8 dicembre 2021, del Consiglio della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria, diretta dal Presidente Fulvio Richter.
  • Stampa

Riunione Consiglio CAN CapodistriaRiunione Consiglio CAN Capodistria

All'ordine del giorno l'accoglimento del programma culturale della CAN per la parte che viene finanziata dal Ministero della Cultura della Repubblica di Slovenia tramite la CAN Costiera.

Il piano è stato presentato dal coordinatore dei programmi culturali della CAN, Mario Steffè. Anche in questa occasione – come evidenziato nel dibattito – è stato sottolineato che ormai da oltre un decennio i mezzi sono rimasti gli stessi, il che in effetti sta a significare che di anno in anno si registra un regresso dovuto all’incremento dei costi dei servizi e dell’inflazione. Anche il Presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, ha ribadito che si tratta di un’anomalia che ci penalizza fortemente nonostante i numerosi interventi presso il ministero della Cultura, tutti risultati finora vani. Qualcosa – ha detto ancora – sembra comunque cambiare in meglio e la speranza è che il prossimo anno si possa finalmente sbloccare la situazione con un aumento dei mezzi a favore delle attività culturali delle associazioni della CNI.

I consiglieri hanno seguito poi una relazione, sintetica ma esauriente, del Presidente della CAN Costiera Scheriani sull’attività, negli ultimi mesi, dell’organizzazione che dirige. In apertura Scheriani ha ricordato le visioni diverse fra le CAN comunali del Mario SteffèMario Steffèterritorio sulla ripartizione dei mezzi stanziati dal Governo. All’uopo – ha detto Scheriani – è stata costituita una commissione che dovrebbe concludere il proprio operato entro la primavera del 2022.  Il Presidente della Costiera ha poi ricordato il Decreto sul bilinguismo, consegnato ai quattro Comuni istriani e che dovrebbe presto vedere la luce, come assicurato dai sindaci, per uniformare il trattamento della CNI,  l’imminente apertura dell’Ufficio per il bilinguismo, finanziato dal Governo e per il quale vi è stato il decisivo intervento del deputato italiano al Parlamento, On. Felice Žiža, con il quale – ha sottolineato Scheriani – collaboriamo fattivamente ed intensamente da oltre tre anni.  Il presidente della CAN Costiera ha quindi ricordato che in questo periodo è stato emendato il sistema elettorale e da ora in poi il nostro deputato sarà eletto con il sistema maggioritario a turno unico, ma sono stati fatti anche passi avanti per quanto concerne la regionalizzazione della Slovenia e che, a quanto si evince dagli incontri avuti con il Primo ministro Janez Janša e con il presidente del Consiglio di stato Alojz Kovšca, verrà accolta la nostra istanza,Alberto ScherianiAlberto Scheriani sostenuta anche dai sindaci dell’Istria, per la creazione di una regione che comprenda unicamente i quattro comuni costieri. Scheriani ha ricordato quindi i nuovi posti di lavoro aperti per il Centro Radio-televisivo di Capodistria che negli ultimi anni ha subito una vera e propria emorragia di quadri, ma anche i successi conseguiti per quando riguarda l’edilizia scolastica. In tale contesto ha ricordato che l’On. Žiža è riuscito a far inserire il restauro del Collegio dei Nobili, che ospita Ginnasio ed Elementare italiane, fra i cento progetti che lo stato finanzierà nei prossimi tre anni. I lavori dovrebbero quindi partire nel luglio del prossimo anno mentre i progetti sono in fase di ultimazione. Alla fine del mese in corso – ha ricordato ancora Scheriani – dovrebbe partire la procedura parlamentare per la nuova legge scolastica che porterà nuove opportunità anche per i nostri istituti.